L’Irritec Esperia agguanta la prima vittoria , i ragazzi alcamesi escono dal campo con onore; lo stesso non si può dire dei loro dirigenti!

ottobre 29, 2012 News

I rosanero arrivano alla terza giornata di campionato a zero punti  , frutto di due sconfitte in altrettante gare (non succedeva dalla stagione 2007/2008), con la voglia di riscattarsi e staccarsi dal fondo classifica. Al Palavalenti arriva però un’agguerrita T.H. Alcamo  formazione ostica e ben attrezzata che ad un gruppo  di promettenti giovani leve ha affiancato l’esperienza e la forza di Scirè ( di ritorno dal Cus  Palermo in A1) alzandone il livello qualitativo. Gli alcamesi , al di là delle alterne fortune nei risultati  hanno dimostrato ,con prestazioni gagliarde ( vittoria sul Forte Gonzaga e onorevole sconfitta con la corazzata Albatro) di essere formazione in grado di mettere in difficoltà chiunque senza timori reverenziali. Dal canto suo i rosanero hanno voglia di smaltire le tossine  della “battaglia” di Mascalucia , consapevoli che da oggi in poi non si può più sbagliare. La settimana dei paladini non è stata delle più tranquille con un febbricitante Chiaromonte ( in dubbio fino ad oggi)  impossibilitato ad allenarsi , ed il problematico recupero di Italiano e Rizzo. Il pre-gara non è dei più tranquilli con i fratelli Randes a cercare ogni piccolo pretesto per creare tensioni  , il presidente  Gaspare  Randes vaga per il campo (nonostante non sia a referto resterà in panchina per tutto il primo tempo e all’intervallo scatenerà la rissa con un calcio ed una manata al volto rifilata a Carmelo Ioppolo e di cui esiste una registrazione) facendo foto anche alle zanzare (magari se dedicasse meno tempo alla fotografia e di più alla conoscenza del VADEMECUM  si renderebbe conto di quanto patetico sia stato il suo comportamento…). Ma andiamo al match, i paladini scendono in campo con Chiaromonte, Ipsaro M, Italiano, Torre ,Minissale, Ioppolo e Costa .Pronti-via ed è subito Torre a lasciare il segno dopo appena 24 secondi , la risposta degli alcamesi non si fa attendere ed è affidata a Pipitone (gran gara la sua) che ristabilisce la parità. Gara veloce e piena di ribaltamenti , al 5’ padroni di casa avanti di un’incollatura ( 3 a 2) , il Match appassiona per ritmi e giocate l’unica pecca e per un’ arbitraggio chiaramente inadeguato ( coppia appena formata ed alla loro prima apparizione insieme) ad un match così intenso e gli errori dal duo arbitrale sono sparsi a iosa su entrambi i fronti. Al 16’  si è sulla perfetta parità ( 9 a 9 ). Mister Lenzo cerca le rotazioni giuste per dare il giusto riposo a tutti , nella mischia finisco Ipsaro A, Palmeri e Parisio. I paladini dimostrano di essere sul pezzo ed in due minuti e mezzo creano un primo pesante break con Torre,Italiano,Minissale e Ioppolo volando sul +4 ( 13 a 9), la risposta dell’Alcamo è veemente , riportando il team alcamese al meno uno (14 a 13 ) ma nel finale di primo tempo arriva il nuovo allungo dei locali che chiudono sul 17 a 14. I rosanero vanno rasserenati nello spogliatoio , sereni non lo sono i dirigenti dell’Alcamo  (con uno scatenato Gaspare Randes, che peraltro non era neanche a referto; che nel filmato si vede chiaramente dare il là alla rissa con un calcio ed una manata in pieno volto a  Ioppolo)che inchiodano la coppia arbitrale in campo rendendo vano il tentativo dell’addetto agli arbitri Russo di condurli nello spogliatoio. Russo che viene violentemente attaccato  da Benedetto Randes ed il dirigente Rocca (trà i più scalmanati)e provocando l’uscita dei giocatori dell’Esperia a difesa del proprio dirigente e i due minuti abbondanti di tensione in campo (ben documentati dal filmato e dall’articolo precedentemente pubblicato). L’inizio del secondo tempo si apre con un bellissimo gesto da parte dei giocatori , che al fischio d’inizio prima di riprendere la battaglia sportiva , si stringono la mano. La gara riprende con ritmi sempre alti , i rosanero tentano subito l’allungo con Torre (2) ed Italiano che portano l’Esperia sul +6 (20 a 14 al 33’ e 02’’) costringendo Randes al primo time-out del secondo tempo. Nei cinque minuti a seguire molto equilibrio , con la rete degli ospiti e l’immediata risposta dei paladini ( 25 a 19 al 39’), gli ospiti non si disuniscono e rosicchiano qualcosa ( 27 a 23 al 44’), in una gara comunque godibile l’unica nota stonata è sicuramente la conduzione arbitrale che penalizza entrambe le formazioni cosa che  innervosisce non poco i giocatori . I rosanero a metà della ripresa accusano un calo e gli alcamesi  si dimostrano squadra irriducibile costruendo un pesantissimo break di 6 a 0 (Pipitone,Fagone,Giacalone,Di Gaetano ed ancora Giacalone)che dal 28 a 23 del 45’ , ribalta il punteggio sino al 28 a 29 del 50’ . Sul Valenti sembra materializzarsi il fantasma di una nuova sconfitta dal sapore beffardo. Ma il pallone più importante del match viene ben gestito da Minissale che sblocca i suoi ( 29 pari al 51’) L’Alcamo rimette avanti la testa per ben due volte con Pipitone e Scirè ( 30 a 31 al 52’ e 40’’). Coach Lenzo getta nella mischia Rizzo (lasciato in panchina per l’infortunio di Mascalucia), ed il numero 10 seppur non al meglio da la carica in difesa ai suoi , che insieme alle correzioni del modulo difensivo da parte della panchina di casa  (Torre a uomo su Scirè) contribuiscono a creare il break giusto. Due volte Torre (intelligentissima palla rubata e contropiede) ed Italiano fanno esplodere il Palavalenti per il +4 ( 35 a 31 al 56’ e 40’’) che sancisce la vittoria paladina , al fischio finale il punteggio finale dice Irritec Esperia 37 – Alcamo 33. Gara  molto bella ed intensa , peccato per una coppia dimostratasi oggi non all’altezza , e per i due minuti di follia a fine primo tempo , che solo per la grande maturità degli atleti ( più maturi di dirigenti con crisi isteriche…) non è andata oltre.    Archiviata questa terza giornata , arriva la sosta in concomitanza degli impegni della rappresentativa nazionale , una sosta che servirà ai rosanero per continuare il lavoro sviluppato nelle ultime settimane ed accelerare il processo di affiatamento ed amalgama tra lo zoccolo duro ed i nuovi arrivi. L’appuntamento è quindi a sabato 10 novembre con una gara che ha sempre regalato emozioni , contro quel Kelona Palermo (Palaoreto ore 18,30) con cui l’Irritec Esperia Orlandina ha dato vita ad un’ intenso duello durato per tutta la stagione e risoltosi a favore dei palermitani .