Festa biancoazzurra allo Sport Village, i rosanero cedono alla capolista.

aprile 30, 2017 News

Si chiude con il gran galà di Agrigento il campionato dell’Esperia Orlandina. I rosanero sono attori comprimari nella grande giornata del club biancazzurro , e i rosanero recitano la loro parte senza infamia e senza lode. Gara che richiama il grande pubblico allo sport village , accorso per tributare il giusto applauso ai ragazzi di Maurizio Camilleri, che coronano uno straordinario campionato regalandosi anche il titolo di campione regionale battendo sul filo di lana la strafavorita Haenna. I sessanta minuti sono la il

Per Gazia 11 reti. Top scorer del match.

“Bignami” che sintetizza la stagione degli agrigentini. Squadra compatta , preparata sotto il profilo atletico , pronta a ripartenze micidiali che spesso devastano partita ed avversari. Il match è una festa sin dalle prime battutte con i giocatori delle due qadre che entrano in campo accompagnati dai bambini del settore giovanile. Il match si irasasubito con i padroni di casa che hanno fretta di chiudere la pratica. L’uno-due iniziale porta il sigillo dei due pilastri della capolista con Cirasa e Pace . I rosanero pur rimaneggiatissimi (soli 9 uomini a referto)non l 10′ i padroni di casa capitalizzando qualche errore di troppo degli ospiti si portano sul 8 a 5. Il match si mantiene alquanto vibrante con i padroni dic asa che cercano di consumare gli avversari tenendo ritmi frenetici, al giro di boa il primo strappo con i padroni di casa avanti 12 a 7. A dieci minuti dalla fine Girgenti avanti sempre di 5 ( 15 a 10) poi ultimo strappo sino al 21 a 14 del primo tempo. Ripresa accademica con le due squadre propense piu’ ad attaccare che a difendere , ritmi sempre alti e ospiti che inevitabilmente con l’esaurirsi delle energie cedono sempre più terreno. A contendersi lo scettro di top scorer del match sono Pace e l’ala rosanero Gazia , con il numero quattro paladino che alla fine dei sessanta minuti la spunta per una rete di scarto

5 Reti per Costa alla festa Agrigentina

( 10 reti il bottino dell’agrigentino 11 del paladino). Si chiude con il sigillo di Cirasa che sigla il 40 a 27 su una splendida volante. Al triplice fischio di Cosenza e Stella ed alla presenza del presidente regionale Piraino parte la festa e l’incontenibile gioia dei padroni di casa che con la tredicesima vittoria stagionale saluta il campionato cadetto e fa il suo trionfale ingresso nel campionato di A2 da regina della classe. ” Gara molto frenetica- chiosa il mister di giornata Lenzo- e veloce, noi abbiamo dovuto fare di necessità virtù e senza i nostri tiratori (Torre e Mazzu’) e senza rotazioni abbiamo comunque fatto una gara discreta. L’Agrigento ha dimostrato , non solo oggi, di essere la squadra più continua credo che il loro exploit sia più che meritato e sopratutto indiscutibile. Complimenti alla società ed a Camilleri che ha saputo trovare la giusta quadratura.” Per i rosanero va in archivio il 23esimo campionato consecutivo , un campionato travagliato e pieno di contratempi ma che i rosanero hanno saputo onorare sino alla fine. Adesso a bocce ferme e dopo il fisiologico riposo sarà onore ed onere della dirigenza paladini cominciare a lavorare per gettare le basi della prossima stagione.