Esperia: con La Nova Audax arriva il “pokerissimo” di vittorie!

dicembre 18, 2010 News

La truppa paladina chiude il 2010 (salvo recuperi) trà le mura amiche del Palavalenti, l’ultimo test di fine anno porta il nome della Nova Audax. I nisseni arrivano a Capo d’Orlando con una dote di dieci punti (+ 5 di penalizzazione) frutto di 5 vittorie e 1 sconfitta, e mai come quest’anno nutrono ambizioni di vertice. La squadra di mister Barone vuole sfatare il tabù del Valenti che la vista sempre soccombere , ma di fronte vi si trova un’Esperia ringalluzzita dalle 4 vittorie consecutive che oltre a rimpolpare la classifica danno grande morale al sette di coach Lenzo. I paladini ci arrivano in maniera tranquilla (a parte le solite noie del Palavalenti ed un giovedì dedicato allo slalom tra i secchi sparsi per il campo per raccogliere l’acqua di una giornata particolarmente piovosa e che il tetto a “gruviera” del vetusto e malandato Valenti fatica sempre più a contenere) consapevoli del grande avvio di stagione , nonostante i gravi problemi derivati dalla querelle sulla mancata autorizzazione all’uso del Palafantozzi ed il conseguente mancato ripescaggio in serie A2. Una consapevolezza del torto subito che si è tramutata in rabbia e furia agonistica , vero surplus di questo avvio dei rosanero.Per la gara odierna mister Lenzo schiera il seguente starting – seven : Chiaromonte in porta, Aveni in cabina di regia, Rizzo e Marici terzini, Ioppolo e Lucifero ali e Scibilia pivot.5- Fragapane Claudio Ala e Capitano La gara parte in maniera contratta e dopo la rete di Ioppolo Carmelo arriva la risposta degli ospiti con Bellomo, l’uno-due di Rizzo porta il rosanero sul 3 a 1 al 5’, gli ospiti non mollano la presa e con Polizzi e Mirisola raggiungono il 3 pari . E’ l’unico sussulto, pur non giocando bene, ma con l’innesto di Ipsaro M al posto di Lucifero con Marici spostato all’ala, i paladini riescono a dare “strappi” importanti alla gara , piazzando un break di 4 a 0 e volando sul +6 (10 a 4) al 20’ con le reti di Ioppolo (2),Ipsaro M e Marici . Il finale di primo tempo vede Aveni lasciare le chiavi della regia a Ipsaro M con Ipsaro A a terzino destro , e gara che scivola sino all’intervallo senza sussulti , chiuso  con il punteggio di 17 a 8 . Obbiettivamente non un gran primo tempo per la squadra di mister Lenzo e nella ripresa ci si aspetta una scossa se non nel risultato che sembra già abbondantemente chiuso , almeno sul piano del gioco. Purtroppo non è una gran giornata per il collettivo orlandino che nella seconda frazione non gioca meglio , anzi , lo spettacolo offerto e sicuramente ancor più mediocre del primo. Colpa di una manovra sicuramente non fluida , veloce e spettacolare come quella ammirata nelle prime quattro giornate di campionato e di una gara che anche per fischi alquanto “anomali” (per entrambe le squadre…) della coppia arbitrale diventa nervosa e slegata. La ripresa vede gli ospiti approfittare del momento di “appannamento” dei locali e con una partenza a razzo piazza un break di 3 a 0 (17 a 11) che riporta sotto i nisseni. Mister Lenzo lascia precauzionalmente in panca Aveni e dà spazio alle rotazioni , ma i suoi sembrano ingolfati permettendo agli ospiti di riavvicinarsi ancora (20 a 15) , quando la gara sembra riaperta l’Esperia fiuta il pericolo ed apre immediatamente il gas con un cinque a zero a firma di Marici-Fragapane-Rizzo(top scorrer del match)-Ioppolo e Galipò che rimette subito le cose a posto firmando il 25 a 15. Il finale è buono per dare spazio alla panchina rosanero che così può schierare in campo tutti i quattordici a disposizione. Al triplice fischio finale il tabellone luminoso sancisce il 28 a 19 finale che regala alla formazione di Capo d’Orlando un “poverissimo” di vittorie che (recuperi a parte) la vede imbattuta in questa prima fase del torneo , e permette a Fragapane e soci di passare un sereno natale.                                           Negli spogliatoi dei locali grande allegria e festa anticipata per l’inossidabile capitano rosanero a cui i compagni dedicano la vittoria con l’Audax che proprio trà 3 giorni taglierà il traguardo delle 41 primavere. “ Si – dichiara capitan Fragapane – è il miglior regalo che i miei compagni mi potessero fare, e mi aiuta a non sentire gli acciacchi dell’età. Ma finchè avrò questa voglia di divertirmi ed il fisico mi assisterà , non lascio la fascia e la maglia a nessuno .” E giudicando dall’energie che mette in campo il capitano , che sia allenamento o partita siamo sicuri che il ritiro è ancora lontano.

ESPERIA ORLANDINA:Aveni S(1),Biscuso,Chiaromonte,Fragapane(1),Galipò(4),

Giulio,Ioppolo(5),Ipsaro Passione A(1),Ipsaro Passione M(5),Lo Presti,Lucifero,

Marici(5),Scibilia,Rizzo(6). All: Lenzo F

NOVA AUDAX :Picone,Cubani(2),Sicilia(2),Barone(1),Amico(1)Mirisola(2),

Sotgia,Polizzi(2)Bellomo G,Bellomo C (3),Gumina,Volo L(3),Volo D(3),Lo Piano. All: Taibi F.

 

Arbitri: Cannata di Messina & Di Grazia di Catania.

 

Ammoniti: Aveni,Scibilia,Rizzo( Esperia Orlandina )

                    Polizzi,Volo( Nova Audax )

Due minuti : Biscuso,Galipò,Ioppolo C,Ipsaro Passione M,Scibilia,Rizzo( Esperia Orlandina )

                      Bellomo,Gumina,Volo L,Volo D( Nova Audax )

                      

 

Minuto

Parziale

Minuto

Parziale

03 – 01

35°

17 – 11

10°

05 – 03

40°

19 – 12

15°

08 – 04

45°

20 – 14

20°

10 – 04

50°

22 – 15

25°

14 – 06

55°

25 – 15

30°

17 – 08

60°

28 – 19